Come capire

anoressia

I DISTURBI ALIMENTARI :

Agenda Incontri

Gli incontri di “CONVERSANDO”

AVVISO IMPORTANTE

AI SIGNORI SOCI E FREQUENTATORI di Conversando.

Si comunica che, a seguito delle vigenti normative anti-Covid che impediscono ancora di tenere in presenza le nostre riunioni quindicinali, le medesime si tengono, fino a data che sarà comunicata, in una sala presso la Parrocchia di Sant’Antonino a Bellariva in Firenze P.zza G. Rosadi (zona Firenze Sud – Bellariva). 

* * *

CONVERSANDO sta riprendendo i contatti con le scuole secondarie di secondo grado per il progetto di informazione e sensibilizzazione degli studenti sulle problematiche dei ‘Disturbi dell’Alimentazione’. 

 

 * * *

 

 

consult@La formazione sui Disturbi dell’Alimentazione e della Nutrizione

24 settembre 2021 ore 18,00 in diretta sula seguente pagina Facebook  https://www.facebook.com/Consultanoi/posts/4903651429662163 . “La Formazione sui Disturbi dell’Alimentazione e della Nutrizione – Medici di Medicina Generale, Pediatri di Libera Scelta, La Famiglia. Primi intercettori dei sintomi premonitori di un Disturbo dell’Alimentazione: parliamone insieme”
Vi aspettiamo!
consulta

 CAMPAGNA DI SENSIBILIZZAZIONE #UnlikeStigma 

PROMOSSO DALLA  SOCIETA’  ITALIANA DI 

Educazione Terapeutica11

Quando fai una visita ti senti trattato come una persona?
Se sei un operatore sanitario e incontri una persona con obesità, o diabete, ecc. vedi prima il peso, la glicemia, ecc. o la persona?
Aiutiamo le persone a non identificarsi con la malattia.
Lo stigma si può curare.Lo stigma colpisce spesso chi soffre per una malattia (obesità, disturbi alimentari, diabete, problemi di salute mentale, ecc.)
“è colpa tua”
“non hai forza di volontà”
“basta che…”
sono alcune delle frasi che una persona può sentirsi dire.
Lo stigma diventa un ulteriore fardello alla malattia.
Abbiamo deciso di dare noi un colpo allo stigma, con una racchetta.
Vuoi trasformare anche tu i pregiudizi e le discriminazioni in rispetto e supporto?
Partecipa al torneo di padel Domenica 3 Ottobre.
Puoi giocare ma anche semplicemente guardare e parlare con professionisti sanitari di un tema molto attuale.
Per informazioni e iscrizione: 3282185663 Dott.ssa Francesca Bille
educazioneterapeutica@gmail.com
 a cui hanno aderito

 In occasione della “X GIORNATA NAZIONALE DEL FIOCCHETTO LILLA” del 15 marzo 2021 l’Associazione CONVERSANDO ha presentato il video “E’ QUEL CHE E” realizzato nell’ambito del progetto di “PEER EDUCATION” nelle scuole con il sostegno finanziario de “LA COMPAGNIA DI BABBO NATALE”.

Sito_Conv
clicca su: Guarda il video  

  

Assistenza Sanitaria Pubblica sul territorio Fiorentino

L’UFS Disturbi Alimentari Toscana Centro, mette a disposizione un PUNTO INFORMATIVO E DI ASCOLTO per tutte le persone interessate ad avere

informazioni su:

  • disturbi alimentari
  • organizzazione dell’UFS Disturbi Alimentari
  • modalità di accesso ai percorsi di cura
  • tempi di attesa

Il servizio è gratuito, ad accesso diretto e senza richiesta medica.

E’ aperto nei giorni:

– LUNEDI dalle ore 16 alle 17

– GIOVEDI dalle ore 15 alle 16

Si trova presso il presidio ospedaliero  Piero Palagi con ingresso da Villa Margherita

Viale Michelangiolo, 41 Firenze

dieta

asl_tc

Covid-19, i disturbi alimentari e il difficile momento del pasto: video tutorial della Ausl in supporto a ragazzi e familiari

SI RIPORTA QUI DI SEGUITO IL MESSAGGIO RICEVUTO DAL DOTTOR STEFANO LUCARELLI CHE NE HA AUTORIZZATO LA PUBBLICAZIONE

PER ACCEDERE CON FACILITA’ AI VIDEO SI CONSIGLIA DI CLICCARE SUL SEGUENTE LINK: canale You della Ausl Toscana centro

Sarete collegati alla Home page Informa dell’Azienda. A quel punto andare nella pagina accanto “Video”.

Scritto da Paola Baroni, mercoledì 22 aprile 2020

Firenze – I ragazzi seguiti dall’Unità funzionale dei Disturbi Alimentari della Asl Toscana centro, si sono trovati da un giorno all’altro a casa, improvvisamente allontanati dalla possibilità, sia per loro che per i familiari, di frequentare i centri e tutte le attività psicologiche di gruppo compreso il pranzo condiviso. A casa ma non da soli. Perché la struttura dei Disturbi Alimentari della Asl che è parte del Dipartimento di salute mentale e dipendenze diretto dal dottor Giuliano Casu, nell’attesa di poter riprendere quanto prima le attività di gruppo sospese, ha lavorato alla possibilità di condividere con i propri pazienti una modalità di confronto che potesse essere d’aiuto. Ne è nata una serie di quattro video dedicati ai familiari dei ragazzi con disturbi alimentari, ciascuno della durata di 15 minuti durante i quali la dottoressa Maria Rita Troiani, psicologa e psicoterapeuta dell’Unità funzionale, affronta le difficoltà nella gestione dei pasti a casa, rivolgendosi direttamente ai familiari e comunicando loro le migliori strategie di supporto durante il delicato momento del pasto. “In questi giorni di emergenza Covid-19, come Servizio Disturbi Alimentari –  spiega Stefano Lucarelli, direttore Unità funzionale Disturbi alimentari Toscana Centro – abbiamo mantenuto e continuiamo a svolgere le visite specialistiche individuali necessarie e non differibili. Non ci è possibile invece portare avanti le nostre importantissime attività di gruppo, per i pazienti e per i familiari. Per questo abbiamo riflettuto su come poter essere comunque vicini a tutti e per quanto consapevoli di quanto sia insostituibile l’attività dal vivo, abbiamo pensato potesse essere utile condividere materiali di lavoro e video tutorial utilizzabili dai familiari e dai pazienti in supporto al loro percorso di cura”.

I video si trovano in una pagina dedicata sul sito dell’Azienda sanitaria dalla quale si viene poi indirizzati
direttamente sul canale You della Ausl Toscana centro. La pagina è inserita nella sezione dedicata ai servizi ausiliari (clicca qui) forniti dall’Azienda nel periodo di emergenza Covid-19 con il seguente percorso:
Home/Banner Covid19Informazioni e Aggiornamenti/Filodiretttoconlasalute/Supporto delServizioperiDisturbiAlimentari
. I video sono in una playlist e sono stati realizzati per essere visti in ordine così da seguire l’argomento
al completo. Un modo, secondo il Servizio per i Disturbi Alimentari, per non lasciare da sole le famiglie ad affrontare le conseguenze di un isolamento che per i ragazzi con disturbi alimentari può rappresentare un trauma. Il servizio è comunque attivo per le situazioni di urgenza e per i casi non differibili ed è possibile prendere contatti con gli operatori del servizio tramite email a:

stefano.lucarelli@uslcentro.toscana.it

 

 

Avviso Importante:

IL CENTRO DISTURBI ALIMENTARI DELLA USL TOSCANA CENTRO DI FIRENZE-EMPOLI COMUNICA CHE, SIA PURE IN QUESTA SITUAZIONE SANITARIA COMPLICATA, E’ PRONTO AD ACCOGLIERE RICHIESTE DI AIUTO URGENTE – CONTATTARE I NUMERI TELEFONICI DI CONVERSANDO:

348 384 1650 – 335 769 0387 – 328 362 3953

OPPURE SCRIVERE DIRETTAMENTE EMAIL A: stefano.lucarelli@uslcentro.toscana.it

Pea and measuring tape on a plate

Di seguito il comunicato stampa pubblicato dal Comune di Firenze per il progetto di Peer Education

( https://www.comune.fi.it/comunicati-stampa/disturbi-alimentari-la-compagnia-di-babbo-natale-e-conversando-onlus-insieme )

Disturbi alimentari, la Compagnia di Babbo Natale e Conversando Onlus insieme per aiutare giovani e genitori

Funaro e Vannucci: “Fondamentale investire su prevenzione e sensibilizzazione”

Una nuova collaborazione tra due Onlus, la Compagnia di Babbo Natale e Conversando, per essere più forti nell’affrontare un tema particolarmente importante per gli adolescenti ed i loro familiari, quello dei disturbi del comportamento alimentare. La Compagnia di Babbo Natale, da sempre vicina ai giovani che vivono qualche difficoltà economica o sanitaria ha deciso di sostenere una intensa attività di informazione tra i giovani ed i loro familiari delle scuole secondarie. Si tratta del progetto “PEER EDUCATION Progetto di informazione, sensibilizzazione e prevenzione su disturbi del comportamento alimentare”, predisposto dalla dott.ssa Valentina Albertini, psicologa e psicoterapeuta, in collaborazione con la psicologa dott.ssa Azzurra Pogni, la psicologa dott.ssa Irene De Angelis, nonché con i volontari dell’associazione Conversando Onlus che assume la paternità del progetto. Obiettivo, migliorare il trasferimento delle conoscenze e delle esperienze fra insegnanti, genitori e studenti coinvolgendo attivamente i ragazzi direttamente nel contesto scolastico. Sono coinvolti quattro istituti fiorentini: Liceo Pascoli, Liceo Peano, Liceo Castelnuovo e Liceo Michelangelo a cui va il merito di aver accettato di promuovere e sperimentare questo importante percorso. Il progetto è stato illustrato oggi a Palazzo Vecchio da Sara Funaro, assessore all’Istruzione, Andrea Vannucci, assessore al Welfare, Roberto Giacinti, presidente Compagnia di Babbo Natale, Silverio Spitaleri, presidente associazione Conversando onlus, e i referenti nei quattro licei che hanno aderito.

“Un progetto importante che da’ un segnale forte non solo nelle scuole in cui viene realizzato ma a tutta la città. – hanno spiegato l’assessore all’Educazione Funaro e l’assessore a Welfare Vannucci- Vogliamo in questo modo accendere i riflettori su una delle problematiche più frequenti tra i nostri giovani, come i disturbi alimentari. Avviare un progetto assieme alle istituzioni scolastiche significa agire finalmente su prevenzione e informazione, coinvolgendo ragazzi e docenti in un lavoro a 360 gradi. Investire sulla prevenzione per questo tipo di disturbi deve diventare una pratica comune e un impegno quotidiano, per questo sono necessarie operazioni di sensibilizzazione ampio raggio come questa. Solo così forniamo gli strumenti adeguati alle nuove generazioni per fronteggiare questo tipo di problematiche. La sinergia istituzionale è vitale e siamo orgogliosi di aver costruito questa collaborazione che vogliamo portare avanti. Un grazie di cuore a tutte le realtà che hanno dato vita a questa belle esperienza che vogliamo estendere sempre di più”.

Gli obiettivi specifici del progetto sono: creare un percorso di peer education in più scuole secondarie di primo e secondo grado di Firenze (dall’ultimo anno della scuola secondaria di primo grado fino all’ultimo anno delle scuole secondarie di secondo grado) per promuovere la cultura della salute e la prevenzione dei disturbi del comportamento alimentare fra gli adolescenti; offrire uno spazio di formazione e riflessione per genitori e insegnanti per conoscere i disturbi del comportamento alimentare e poter attuare attività preventive; creare un primo contatto con le persone con disturbi del comportamento alimentare e reindirizzarle ai servizi territoriali competenti.

 

 

 

 

28 novembre 2019 Conferenza Stampa in Palazzo Vecchio

Oggi, 28 novembre 2019, in Palazzo Vecchio, alla presenza dell’Assessora all’Educazione, Università e Ricerca Sara Funaro e dell’Assessore al “Welfare e Sanità, accoglienza e integrazione, associazionismo e volontariato” Andrea Vannucci, si è tenuta la conferenza stampa di presentazione del progetto sperimentale di “Peer Education” sui DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE che coinvolge gli studenti di quattro principali scuole secondarie fiorentine di secondo grado. Erano presenti il nostro Presidente Silverio Spitaleri ed il Prof. Roberto Giacinti, Presidente de “La Compagnia di Babbo Natale” che sostiene finanziariamente il progetto nella sua globalità.

Erano altresì presenti le due psicologhe Dott.sse Irene De Angelis ed Azzurra Pogni che portano avanti operativamente il progetto per conto della nostra Associazione nonché i rappresentanti degli Istituti scolastici coinvolti nel progetto. Il progetto di Peer Education consiste nella informazione e sensibilizzazione dei “peers” (colleghi studenti di pari età) da parte di alcuni studenti “educators” che sono stati designati dagli insegnanti e poi formati dai tutors (le due psicologhe citate) che seguono costantemente il lavoro degli studenti.

Il progetto è già stato avviato in uno degli Istituti (Liceo Statale Giovanni Pascoli) e, a detta degli insegnanti presenti alla conferenza stampa, sta ricevendo grande apprezzamento da parte degli studenti, che lavorano con entusiasmo, ma anche dei docenti.

 

Pir_28112019